Il Chianti: un territorio unico con tante cantine da scoprire

Il Chianti è il territorio simbolo della campagna Toscana, compreso a sud dell’Appennino nella parte centrale della regione. Si tratta di un ambiente unico, attraversato da dolci colline a grandi terrazze, da vallate e da fiumi; l’argento degli olivi, la straordinaria geometria dei vigneti e le strade alberate formano un quadro straordinariamente suggestivo. Dal Medioevo al Rinascimento questo territorio è stato un continuo campo di battaglia fra Siena e Firenze che si contendevano queste terre. Di questi scontri sono fedeli testimoni i molti castelli e borghi fortificati che ancora oggi possono essere ammirati.

Zona di produzione del vino Chianti

Il nome “Chianti” non indica soltanto un territorio, ma è anche sinonimo del suo prestigioso vino. La zona di produzione del vino Chianti DOCG ricade nella parte centrale della regione Toscana, ed interessa parzialmente i territori collinari, a ridosso della catena degli Appennini, delle provincie di Arezzo, Firenze, Pistoia, Pisa, Prato e Siena.

Le migliori cantine da visitare nel Chianti | La selezione di Gotto Wine Tour

Castello di Poggiarello

Castello Poggiarello è una tenuta di dodici ettari a conduzione biologica situata nel comune di Sovicille in provincia di Siena. Le prime tracce di Castello Poggiarello sembrano risalire alla seconda metà del XIII secolo; nata come fortezza eretta a difesa dei terreni circostanti, è stata negli anni adattata a dimora signorile ed arricchita nella sua struttura architettonica. L’attività agricola è proseguita fino al periodo fra le due guerre mondiali, per poi riprendere con l’attuale proprietà. I nuovi proprietari hanno saputo adeguare le antiche cantine ed il frantoio alle moderne tecnologie di vinificazione e di molitura. In particolar modo l’attività vinicola è stata riportata in auge a partire dal 2003, anno di impianto dei nuovi vigneti; a seguito di un’attenta analisi pedoclimatica, sono state selezionate le varietà più compatibili con il terroir di Poggiarello.

Villa la Ripa

Villa la Ripa è una splendida proprietà situata in località Antria nella provincia di Arezzo. Le prime tracce di questo magnifico luogo risalgono al II secolo D.C. con Marco Peconio. Tuttavia, la forma attuale della villa si deve ai Gualtieri, importante casato di poeti che l’acquisirono durante il Rinascimento. Dopo vari passaggi di proprietà, la villa è stata poi acquistata dalla famiglia Luzzi. Il dott. Saverio Luzzi, noto neurologo, ha riportato la proprietà agli antichi splendori; ha inoltre deciso di portare avanti la produzione vinicola, puntando esclusivamente sull’alta qualità del prodotto. Villa la Ripa ha saputo conciliare la tradizione storica e l’innovazione, in cantina come in vigna. I vigneti fanno parte della sottozona Colli Aretini del Chianti; a vigne vecchie piantate oltre 80 anni fa si alternano vigne nuove a maggior densità di impianto.

Grignano

Dolcemente adagiata sulle colline a pochi passi da Firenze, immersa in un panorama inimitabile, la Tenuta di Grignano con la sua villa, la storica cantina, gli antichi orci e le tante case coloniche tra i vigneti e gli olivi, offre un percorso sensoriale tutto da scoprire. La Villa di Grignano e i suoi terreni hanno origine nel 15° secolo sotto i Marchesi Gondi di Firenze. La proprietà si estende oggi per 600 ettari. Ci sono ben 47 poderi, ognuno dei quali è caratterizzato da una propria connotazione storica e architettonica. Specializzata nella produzione del Chianti Rufina, Grignano rappresenta la tradizione, la cultura, legate al territorio, sapientemente unite alla tecnologia più avanzata. La varietà principale è il Sangiovese, vitigno autoctono della zona. Sono presenti anche varietà internazionali come Merlot, Chardonnay, Malvasia del Chianti e Petit Verdot.

Fattoria di Fiano

L’antico villaggio del Fiano, in origine “Alfiano”, prende il nome dalla nobile famiglia degli Alfani che visse qui nel 1300. Esso si trova sul crinale che separa la Val d’Elsa dalla Val di Pesa. La Fattoria di Fiano, di proprietà della famiglia Bing dal 1940, sorge su di un sito etrusco del 400 a.C. scavato nelle rocce alluvionali del periodo Pliocenico. Ugo Bing, agronomo specializzato in viticoltura ed enologia, conduce l’azienda da oltre 30 anni. La filosofia è quella di essere il più fedeli possibile al terroir, in un rapporto stretto tra uomo e terra. Ispirato da un’autentica passione, Ugo conduce l’azienda conciliando tradizione e ricerca. L’obiettivo da raggiungere è la perfetta maturazione dei grappoli, accompagnata da una semplice trasformazione in cantina, affinché le qualità organolettiche dell’uva rimangano intatte e si trasmettano integre al vino.

Travignoli

Travignoli è una splendida tenuta che sorge a soli 25km ad est di Firenze, nella zona del Chianti Rufina. La prima menzione di Travignoli nei documenti risale all’anno 1100, in una pergamena del vicino Monastero di Vallombrosa. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1800 la Fattoria di Travignoli divenne proprietà della famiglia Busi. È importante ricordare che il conte Clemente Busi nel 1927 fu uno tra i fondatori del Consorzio Chianti Putto. L’azienda Travignoli, oggi condotta da Giovanni Busi, ha ricevuto il premio “Italia 150” conferito dall’Unioncamere Nazionale alle 150 più antiche e longeve imprese storiche d’Italia. L’azienda ha una superficie complessiva di 90 ettari di cui 70 coltivati a vigneto. La varietà principale è naturalmente il Sangiovese, ma sono presenti anche Cabernet Sauvignon, Merlot e Chardonnay.

Tenuta di Capezzana

Capezzana è una splendida tenuta situata nel nord della Toscana, nel Comune di Carmignano, a soli 20 Km da Firenze. L’azienda si estende su una superficie complessiva di 650 ettari, di cui 90 coltivati a vigneto e 150 a oliveto. Capezzana appartiene alla famiglia Contini Bonacossi; negli anni venti fu il Conte Alessandro Contini Bonacossi ad acquistare la proprietà di Capezzana, poi ampliata con l’acquisto di due fattorie confinanti. Nasce così la Tenuta di Capezzana, suddivisa in 3 fattorie e più di 120 poderi, dedita alla produzione di vino e olio di grande qualità. Nel 1945 ad Alessandro si affiancò il figlio Ugo che prese gradualmente la direzione della tenuta trasformandola da conduzione mezzadrile ad azienda moderna. L’azienda è interamente a conduzione biologica dal 2015.

Il Borro

Il Borro è una magnifica tenuta situata a Loro Ciuffenna nel cuore del Valdarno. La prima testimonianza scritta sul Borro risale all’anno 1254 quando il marchese Borro Borri acquistò la proprietà dalla famiglia Mascagni. Negli anni una serie di avvicendamenti ed ampliamenti vedono protagoniste alcune tra le più nobili famiglie europee, tra cui i Savoia. Nel 1993 la proprietà è stata acquistata da Ferruccio Ferragamo che, con l’aiuto del figlio Salvatore, ha compiuto un imponente intervento di ripristino. Dal 2012 il Borro è entrato a far parte della prestigiosa associazione Relais & Châteaux ed è oggi uno degli alberghi 5 stelle più lussuosi in Toscana. Oggi Il Borro è anche una prestigiosa azienda vinicola; la proprietà si estende su una superficie complessiva di oltre 700 ettari, di cui 45 coltivati a vigneto.

Fattoria Selvapiana

Selvapiana è un’antica azienda vinicola situata nel cuore del Chianti Rufina. Le prime tracce di questo luogo risalgono al Medioevo; Selvapiana è nata infatti come torre di avvistamento della città di Firenze, a nord lungo la valle del fiume Sieve. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1826 la fattoria è stata acquistata dalla famiglia Giuntini. È importante ricordare che Francesco Giuntini è stato tra i primi in Toscana a produrre vino da solo uve Sangiovese legando il vino bandiera dell’azienda ad uno specifico singolo vigneto: Bucerchiale. Oggi la proprietà è gestita da Silvia e Federico, figli di Franco Masseti, fattore a Selvapiana dal 1953 al 1990. Selvapiana ha attualmente un’estensione di circa 250 ettari, di cui 58 ettari coltivati a vigneto. La maggior parte dei vigneti si trovano attorno alla Villa che ha anche funzione di centro aziendale. Selvapiana è un’azienda a coltivazione biologica certificata.

Commenta